Crea sito





Gli antipasti e le salse della Taverna

Acciughe in salsa di nocciole
Occorrono:
300 gr. di acciughe freschissime (del pescato di giornata) pulite, sventrate, squamate e sciacquate sotto l'acqua corrente.
200 gr. al netto di buone,nocciole tonde, passate qualche minuto in forno per tostarle e sbiancarle, poi private della pellicina poi pestate nel mortaio finchè siano ridotte ad una poltiglia assai fine.
200 gr. di ventresca di tonno sott'olio, passata al setaccio.
la scorzetta di un limone, non trattato, grattugiata
1/2 bicchiere di succo fresco di limone
un piccolo trito di freschissimo prezzemolo
un pugnetto di origano tritato altrettanto fresco
olio extra vergine d'oliva

Versiamo in un piatto di portata ovale dell'olio extra vergine d'oliva, poi allinamo, nel piatto, una accanto all'altra le acciughe (dopo averle asciugate con un canevaccio di bucato. In una terrina uniamo le nocciole con la ventresca, aggiungiamo poi il prezzemolo, l'origani, il succo di limone, la scorzetta grattugiata del limone e tanto olio extra vergine d'oliva quanto basta per ottenere una salsa densa e cremosa con la quale copriremo completamente le acciughe. Si servono con riccioli di burro e fettine di pa ne tostato. Si accompagna con vino bianco secco ben freddo. Il successo è assicurato!!!!!!!

Insalata della diligenza di posta

Occorrono:

Avanzi di carne di bollito di manzo (tagliata a tocchetti)
500 gr. di fagioli borlotti (freschi se è estate, e secchi se è inverno) che devono essere lessati.
1 grossa cipolla rossa di Tropea, tagliata ad anelli sottilissimi
olio extra vergine d'oliva
aceto rosso di vino, fortissimo
pepe nero in grani macinato al mulinello
una presa di sale fine
un trito finissimo di aglio e prezzemolo

In un ampio catino di porcellana mischiamo gli avanzi di bollito con i fagioli, poi uniamo la cipolla. Spruzziamo con sale fine e con un'abbondante macinata di pepe nero. Irroriamo con olio extra vergine d'oliva e spruzziamo di aceto rosso fortissimo.Aggiungiamo il trito di aglio e prezzemolo. Mescoliamo con cura. Ogni commensale si serve, versando nella propria terrina un mestolo di insalata. Noi qui alla Taverna la mangiamo tutti insieme attingendo direttamente nel catino, mentre giochiamo a carte, perchè è un piatto estremamente conviviale.

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...







 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.