Crea sito

I dolci della Taverna


Dolce di mandorle

Occorrono:

gr.350 di farina di mandorle (si ottiene tostando leggermente le mandorle in forno e poi tritandole nel mix)
gr.350 di zucchero
6 uova
gr.350 di farina per dolci "Manitoba"
gr.350 di burro
la scorza grattugiata di un limone
una spolverata di cannella grattugiata

Unite lo zucchero alla farina di mandorle, poi aggiungete le uova mescolando con cura.
Disponete sulla spianatoia la farina a fontana, aggiungete al centro il composto di mandorle-zucchero-uova, poi versate sugli ingredienti il burro quasi sciolto, la scorzetta del limone, la cannella. Impastate con cura.
Foderate una tortiera con carta da forno, versate e livellate l'impasto con una spatolina.
Ponete in forno già caldo (200°) per 35 minuti. Servite il dolce freddo.

Paradise cake

Occorrono:
6 uova freschissime
gr.120 di fecola di patate
gr.250 di zucchero
gr.50 di zucchero a velo
1 bicchiere di succo di limone

In una pentola, posta a bagnomaria, ponete i tuorli delle uova con lo zucchero e mescolate con cura, versate poi il succo di limone e mescolate con accuratezza, unite poi lo zucchero a velo e la fecola di patate, con delicatezza, facendo attenzione a non formare grumi. Per ultimi aggiungete gli albumi montatia neve ben ferma.
Foderate una teglia con carta da forno, versatevi il composto e ponete in forno già caldo (180°) per 40 minut Appena il dolce avrà preso un colore dorato toglietelo dal forno, spolverizzatelo di zucchero a velo, e servitelo caldo o freddo tagliato a spicchi o a losanghe.i.

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

Uno degli ortaggi del nostro orto

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.