Crea sito





I dolci della Taverna


Crostata di fichi e cioccolato extranoir

Occorrono:

250 gr.di pastafrolla (va benissimo quella che si compra già pronta)
400 gr. di bei fichi sodi e freschissimi, puliti con uno straccetto umido,  privati della pelle e tagliati a metà
250 gr.di cioccolato amaro extranoir
una tazza di panna montata freschissima 
 
Foderiamo una teglia rotonda con carta da forno, poi stendiamo nella teglia la pasta frolla. Copriamo il fondo della torta con i fichi, e poniamo in forno già caldo (180°) per 40 minuti. Trascorso tale tempo sforniamo e copriamo conil cioccolato extranero che avremo fatto fondere in un pentolino con il fondo antiaderente. Poniamo in frigo a raffreddare per almeno 2 ore. Decoriamo con ciuffi di panna montata. La crostata è pronta.

 

Dolce di mele del Trentino

Occorrono:

4 mele ranette, sbucciate,tagliate a dischetti sottili,poi poste in una terrina imbevute di succo di limone
una tazzina da caffè di succo di limone
4 uova di pollaio (cioè da galline allevate a terra)
2 bicchieri di zucchero
3 bicchieri di farina bianca
1 tazza di panna freschissima
1 bustina di lievito per dolci

In una terrina sbattiamo le uova con lo zucchero, poi incorporiamo la farina, la panna e il lievito. Foderiamo uno stampo con carta da forno, disponiamosul fondo le mele e copriamole con l'impasto. Poniamo in forno già caldo (190°) per 3/4 d'ora. Sforniamo, facciamo raffreddare e prima di servire spolveriamo il dolce con lo zucchero a velo.


Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...


Una ricetta fresca e sfiziosa...anche molto bella nell'aspetto...





 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.