Crea sito





I dolci della Taverna


Lasagne di Natale

Occorrono:

300 gr. di farina bianca
3 uova
qualche cucchiaio di latte fresco intero
100 gr. di burro 
1 grosso pugno di gherigli di noce tritati
una tazza di uvetta passa posta a macerare in grappa di vinacce
100 gr. di zucchero
cannella in polvere

Prepariamo una pasta ben soda con la farina, le uova e i latte, poi tagliamo le lasagne. Tuffiamole in acqua bollente salata, due alla volta, dopo un minuto scoliamole e stendiamole su un canovaccio di bucato. Imburriamo una teglia rettangolare, facciamo uno strato di lasagne che cospargeremo con i gherigli di noce,lo zucchero ,l'uvetta, una soffiata di canella in polvere ed abbondanti  fiocchi di burro, continuiamo alternando uno strato di pasta ed uno con gli altri ingredienti. L'ultimo strato sarà di riccioli di burro, abbondantissimi. .Poniamo in forno già caldo 160° per una mezz'oretta. Sforniamo e serviamo le lasagne calde. 

Fritole di zucca

Occorrono:

500 gr. di zucca farinosa, lavata, pulita, privata dei semi e sbucciata 
1/4 di latte fresco intero
farina bianca q.b.
3 uova intere 1 pugno di frutta candita, ridotta a piccoli cubetti
1 pugno di uvetta passa posta a macerare in acquavite di vinacce
1 tazzina da caffè di zucchero
1 bustina di lievito vanigliato
la scorza grattugiata di un limone
zucchero a velo
olio per friggere

Poniamo la zucca in un tegame con il latte tiepido, e facciamola spappolare fino a quando sembrerà una matassa di seta traslucida. A questo punto leviamola dal fuoco poniamola in una terrina ed aggiungiamo tanta farina quanto basta per ottenere una pasta ben soda. A questa pasta andremo ad aggiungere 3 uova sbattute, la frutta candita, l'uvetta, lo zucchero, la scorza grattugiata del limone. Lavoriamo un poco l'impasto con un cucchiaio di legno, poi copriamolo con una salvietta di bucato e lasciamolo riposare per una notte intera. I lgiorno dopo avrà perso gran parte della sua umidità e si sarà rassodato questo è il momento di mescolare alll'impasto il lievito vanigliato. Mescoliamo con forza ed attendiamo ancora un'oretta. Trascorso tale tempo friggiamo la pasta di zucca, gettandola a piccole cucchiaiate in un padella fonda piena di olio bollente
Quando le fritole saranno dorate, scoliamole, poiamole a sgocciolare su fogli di carta assorbente e prima di servirle cospargiamole con abbondante zucchero a velo.

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...


Una ricetta straordinaria,.anche molto bella nell'aspetto...





 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.