Crea sito





I dolci della Taverna

Involtini di "murena" (dalla Sicilia antica; un dolcescherzo di Carnevale)

Occorrono:

6 uova grosse, freschissime   
25 gr. di zucchero
25 gr. di cacao amaro in polvere
25 gr. di mandorle tritate
una tazza di ricotta freschissima
25 gr. di zucca candita a pezzettini
25 gr. di cioccolato amato extranoir a pezzettini
zucchero a velo
cannella in polvere
un cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva per friggere

Sbattiamo le uova con lo zucchero, il cacao, le mandorle. Poi, dividiamo il composto in quattro parti e prepariamo in un padellino piatto unto d'olio 4 frittatine ben sode. Posiamole a scolare su carta assorbente e quando le frittatine si saranno un pochino raffreddate farciamole con un cucchiaio di ricotta, un cucchiaino di zucca candita e un cucchiaino di cioccolata amara, poi avvolgiamole su se stesse. Spolverizziamole con zucchero a velo e cannella in polvere, poi serviamo. 

Gnocchi di mele con la zabaione

Occorrono:

per gli gnocchi:

2 uova
40 gr. di zucchero
50 gr. di pane pesto
200 gr. di mele, sbucciate e tagliate a dadini
30 gr. di uvetta, fatta rinvenire con un poco di marsala secco e poi strizzata
un pugno di noci fresche, tritate
50 gr. di burro
il succo di un grosso limone
farina q.b.
una presa di spezie miste (cannella, cardamomo, zenzero, pepe nero, noce moscata)
olio d'oliva per friggere

Per lo zabaione:

6 tuorli d'uovo freschissimo
6 cucchiai di zucchero
marsala secco

Non appena avremo tagliato a dadini le mele irroriamole con il succo del limone poi facciamole saltare sul fuoco in un padellone con un poco di burro, spezie e zucchero. In un'altra padella facciamo rosolare il pangrattato con il resto del burro. In una terrina riuniamo le noci tritate, l'uvetta e un uovo. Quando avremo ottenuto un composto omogeneo aggiungiamo anche le mele. Impastiamo il tutto e formiamo dei bei gnocchi rotondi che poi passeremo prima nella pastella formata dalla farina e un uovo e poi nel panepesto rosolato. In una friggitrice scaldiamo l'olio d'oliva e non appena è bollente caliamo il cestello con gli gnocchi (4 o 5 alla volta non di più) e facciamoli dorare poi leviamoli e poniamoli a scolare su fogli di carta assorbente.

A parte avremo preparato lo zabaione:

In un recipiente lavoriamo le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto soffice e schiumoso. Aggiungiamo, sempre mescolando, il marsala secco nella misura di un mezzo guscio d'uovo per ogni tuorlo. Mettiamo il tutto a cuocere a  bagno maria o a fuoco molto basso, rimestando fino a quando la crema si sarà addensata e diventerà spumosa.

Versiamo lo zabaione caldissimo sui gnocchi di mele
Serviamo immediatamente.

Le nostre ricette



.



Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...


Una ricetta straordinaria,.anche molto bella nell'aspetto...





 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.