Crea sito





I dolci della Taverna

Crostata di zucca

Occorrono:

un foglio di pasta frolla (già pronta)
zucca, 1 kg.
mandorle per pasticceria gr.200
amaretti gr. 100
zucchero gr.150
canditi, tritati finissimi gr.50
burro gr.150
una spolverata di sale fino
1 cucchiaio colmo di farina gialla, tipo  "fioretto"

Bolliamo la zucca con la scorza. quando è tenera togliamo la pellicola della scorza ed i filamenti dei pezzi teneri. Scoliamo bene e raffreddiamo. Alla zucca, sminuzzata con le mani fino ad ottenere una consistenza omogenea. senza pezzi, aggiungiamo tuttigli altri ingredienti, compreso il burro fuso.
In una teglia bassa, larga, imburrata cosparsa di pane pesto finissimo, disponiamo il foglio di pastafrolla facendone tutto intorno un cordone rialzato con le dita, poi ricopriamo con l'impasto che abbiamo preparato. Decoriamo con striscie di pastafrolla la superficie. Poniamo in forno già caldo 16O° per 4O minuti.



Budino di croccante

Occorrono:

zucchero gr.25O

mandorle al netto del guscio gr.25O, leggermente tostate, private della buccia e tritate grossolanamente
burro freschissimo gr.50
10/12 uova grosse, altrettanto fresche
3 bicchieri grossi di latte fresco, intero
un pizzico di vaniglia
zabaione 

In un tegame antiaderente cuociamo il croccante, con le mandorle, 200 gr. di zucchero ed il burro. Mescoliamolo fino a che ha preso un bel colore noce, poi ungiamo di burro un ripiano di marmo e versiamolo sopra. <a parte sbattiamo 1O/12 rossi d'uovo con lo zucchero rimasto e un pizzico di vaniglia. Quando il croccante posto sul ripiamo di marmo è ben freddo, pestiamolo con il batticarne. Poi uniamolo alle uova ed aggiungiamo i 3 bicchieri di latte. Ungiamo un bello stampo da budino di burro, spolverizziamolo di zucchero, versiamo il composto e cuociamo a bagno maria. Deve cuocere per due ore e mezza. Si serve freddo, versando su di esso, al momento di servire, uno zabaione bollente
Per questo dolce i nostri ospiti stravedono, i bambini e i folletti ne vanno pazzi.

Le nostre ricette



.



Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...


Una ricetta straordinaria,.anche molto bella nell'aspetto...





 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.