I dolci della Taverna

Treccia di Berenice

Occorrono:

farina bianca 800 gr.
8 uova
burro 2050 gr
zucchero 250 gr.
1 bicchiere di panna
uvetta passa 15o gr.
pinoli 150 gr.
cedro candito a pezzettini  100 gr.
scorzette di arancio candite 50 gr.
un pizzico di sale
la scorzetta grattugiata di un limone
una bustina di lievito vanigliato

Mescoliamo velocemente la farina con i tuorli d'uovo e la panna, aggiungendo qualche cucchiaio d'acqua se l'impasto risultasse troppo denso. Aggiungiamo le chiare d'uovo montatea neve ben ferma, il lievito e tutti gli altri ingredienti. Mescoliamo bene e lasciamo riposare per un'ora, coperto, in ambiente tiepido. Trascorso tale tempo, lavoriamo l'impasto con le mani dandole prima l'aspetto di un rotolo allungato e poi di una treccia. Deponiamolo sopra una piastra ricoperta con carta da forno, ed inforniamo nel forno già caldo 160° per tre quarti d'ora.

Gnocchi dolci di patate

Occorrono:

pasta di farina e patate per gnocchi gr.500
uvetta passa ammorbidita in ciotolina colma di marsala e poi strizzata gr.100
pinoli gr.50
una bustina di lievito in polvere
1 uovo
1/2 bicchiere di latte
zucchero gr.50
olio d'oliva per friggere
zucchero a velo

Mescoliamo all'impasto tradizionale per gnocchi tutti gli altri ingredienti fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo. Lasciamo riposare per un paio d'ore, poi aiutandoci con due cucchiaini versiamo l'impasto in una padella d'olio bollente fino ad ottenere delle fritelline dorate di bellissimo aspetto, Scoliamole con il mestolo forato, adagiamole sopra un foglio di carta assorbente e spolveriamole con zucchero avelo prima di servirle.

Le nostre ricette



.



Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...


Una ricetta straordinaria,.anche molto bella nell'aspetto...





 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.