Crea sito

I dolci della Taverna

Frutta fritta

Occorrono:
frutta di stagione a piacere (albicocche, pesche, fichi, prugne, mele, pere, grossi acini di uva, kiwi ecc.)
2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
3 uova 
200 gr. di farina
scorzetta di limone grattugiata
1 pizzico di sale
una bustina di vanillina
zucchero a velo
2 dl. di vino bianco

La pastella si prepara in una terrina molto capiente unendo la farina con i tuorli delle uova, 2 cucchiai di olio, la scorzetta del limone grattugiata, la vanillina e il sale. Con un cucchiaio di legno si rimesta bene l'impasto aggiungendo a filo il vino bianco, fino ad ottenere una pastella nč liquida nč troppo soda.
Si lava e si sbuccia  frutta (quando č necessario), la si taglia a dadini, poi la si comprime in un panno candido perchč asciughi bene.
Si monta a neve il bianco delle uova. Si mescolano nella pastella prima i dadini di frutta, poi con delicatezza gli albumi montati a neve. Si scalda l'olio nella padella e si immerge a cucchiai il composto. Si raccoglie con la schiumarola forata, si fa asciugare su carta assorbente, la frutta deve risultare dorata e croccantissima. Si cosparge con zucchero a velo e si serve ben caldo.



Fichi a croce

Occorrono:
4 fichi grossi e sodi
100 gr. di noci e 100 gr. di mandorle pulite e tritate
una scorzina di limone grattugiata

Aprite i fichi e riempiteli con il trito di noci e mandorle, aggiungete un poco di scorzina di limone grattugiata. Rivestite una teglia con carta da forno ed appoggiatevi i fichi,poneteli in forno gią caldo (180°) per un decina di minuti.






Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

 

 

 

 

 

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non č a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attivitą di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" č un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.