I dolci della Taverna

Fugassa de mere (Focaccia di mele)

Occorrono:

per la pasta:

400 gr. di farina bianca
una bustina di lievito per dolci
2 uova freschissime
100 gr. di zucchero
 un bicchiere divino bianco secco
100 gr. di burro

per il ripieno:

1 kg. di mele ranette
3 cucchiai di pane pesto
zucchero semolato
la scorzetta di 2 limoni (non trattati)
il succo fresco di un limone

Disponiamo la farina a fontana sulla spianatoia e nel centro versiamo il lievito, lo zucchero e il vino. Impastiamo con cura per ottenere un composto consistente ed omogeneo che faremo riposare. Intanto sbucciamo le mele, tagliamole a cubettini, poniamole in una terrina e mischiamole con lo zucchero, la scorzetta grattugiata dei limoni e il succo,il pangrattato, mescoliamo bene il tutto.
Foderiamo con carta da forno una teglia rettangolare a bordi bassu e tiriamo delle sottili strisce di pasta in modo da ricoprire tutta la teglia. Versiamo nella teglia il ripieno e richiudiamo con altre strisce di pasta, ancora più sottili. Sigilliamo i bordi, spolveriamo di zucchero la superficie e bucherelliamola qua e là. Poi in forno già caldo, 200° per 40 minuti, fino a quando la "fugassa" risulterà ben dorata.


Gnocchi di semolino (in compagnia della barbera)

Occorrono:

800 gr. di semolino
4 uova freschissime
2 pugni di pane pesto
2 litri di latte fresco intero
olio d'oliva
50 gr. di burro
un briciolo di sale

per il vin brulè:
80 gr. di zucchero
1/2 litro di vino barbera giovane
3 chiodi di garofano
un soffio di cannella in polvere
la scorzetta grattugiata di mezzo limone (non trattato)

Versiamo il latte in un ampio tegame, non appena accenna a bollire aggiungiamo il burro, il sale e poi versiamo il semolino a pioggia. Abbassiamo il fuoco e mescoliamo fino a quando il composto si sarà addensato, a questo punto aggiungiamo le uova e mescoliamo con cura al fine di ottenere un impasto compatto e consistente. Versiamo l'impasto sulla spianatoia e lavoriamolo fino ad ottenere dei cordoni di pasta dello spessore di un paio di cm. dai quali ricaveremo gli gnocchi che passeremo nel pangrattato e poi tufferemo nell'olio d'oliva bollente facendoli dorare. Li poseremo poi su fogli di carta assorbente per asciugarli. Per il vin brulè poniamo in una pentola alta tutti gli ingredienti e facciamo scaldare. Al primo bollore togliamo la pentola dal fuoco e versiamo il vino caldo sugli gnocchi che avremo posto in una larga fondina. Serviamo immediatamente.

 Le nostre ricette



.



Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...


Una ricetta straordinaria,.anche molto bella nell'aspetto...





 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.