Crea sito





I dolci della Taverna

Smegiazza della Vigilia di Natale 

Occorrono:

300 gr. di farina di mais
4 cucchiai di zucchero
2 litri e mezzo di latte fresco intero
50 gr. di zucca
50 gr. di fichi secchi
50 gr. di uvetta passa
50 gr. di gherigli di noce tritati
50 gr. di nocciole tritate
50 gr. di scorzette di agrumi tritate
50 gr. di fettine di mele cotogne
2 cucchiai di miele
3 uova sbattute
50 gr. di strutto

In un paiolo per polenta poniamo a bollire il latte con lo zucchero. Prima che prenda bollore versiamo a pioggia la farina di mais, mescoliamo con la frusta fino a quando la farina ha preso consistenza, poi aggiungiamo, uno alla volta, tutti gli altri ingredienti. Facciamo bollire il tutto per mezz'ora, come se fosse una polenta, poi lasciamo raffreddare, poniamo il composto in una teglia foderata con carta da forno e passiamo in forno a 180° per un'ora.

Rigatoni dolci della Vigilia di Ognissanti

Occorrono:

500 gr. di rigatoni
1 kg. di pane raffermo grattugiato
500 gr. di zucchero
200 gr. di cioccolato amaro fondente, ridotto in piccolissimi pezzi
1 kg. di gherigli di noce tritati finemente
2 bicchieri di rum
la scorza grattugiata di un limone non trattato
un soffio di cannella in polvere
un soffio di noce moscata
una presa di sale grosso

Prepariamo il condimento per i rigatoni mescolando il pane grattugiato con i gherigli di noce e lo zucchero. Poi aggiungiamo il cioccolato fondente, il rum, la scorzetta grattugiata del limone, la cannella e la noce moscata. Mescoliamo con cura con un cucchiaio di legno. Facciamo cuocere i rigatoni in acqua leggermente salata, scoliamoli bene e condiamoli a sterati con il composto precedentemente preparato. Serviamo il dolce dopo averlo lasciato raffreddare.

Le nostre ricette



.



Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...


Una ricetta straordinaria,.anche molto bella nell'aspetto...





 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.