Crea sito




I primi piatti di Neta


Mezzepenne rigateinpeperoni

4 peperoni grossi,sodi, sani, con la buccia spessa, di diverso colore
200 gr. di  mezze penne rigate
350 gr. di pomodori nostrani, polposi, maturi, privati della buccia e dei semi e poi tritati finemente
olio extra vergine d'oliva
un pugno di olive taggiasche snocciolate
una manciatina di capperi sott'aceto
uno spicchio d'aglio
1 peperoncino piccante, fresco, tritato
sale
due acciughine sott'olio
un trito di freschissimo prezzemolo

 Prepariamo i peperoni: scoperchiamoli togliendo loro il picciolo, eliminiamo gran parte dei semi, poi mantenendoli interi poniamoli sopra una teglia ricoperta con carta da forno e facciamoli arrostire in forno già caldo(220°) per una mezz'ora abbondante. Non appena saranno arrostiti, leviamoli dal forno e poniamoi a raffreddare dentro una borsa di plastica per alimenti, pulitissima e ben chiusa, sarà così molto facile, una volta raffreddati, levare loro la pelle pur mantenendoli interi. Eseguita questa operazione in una padella con l'olio d'oliva facciamo rosolare il peperoncino, l'aglio e i fietti di acciuga facendoli disfare. Uniamo i pomodori ed aggiungiamo poi una presina di sale, i capperi, le olive spezzettate ed il prezzemolo tritato.Facciamo addensare, poi cuociamo le mezze penne rigate in abbondante acqua salata e scoliamole molto al dente. Condiamole immediatamente con la salsa preparata. Riempiamo con delicatezza i peperoni arrostiti con la pasta condita. In una pirofila ricoperta con carta da forno allineamo i peperoni (avendo cura di alternare i colori) e passiamoli in forno caldissimo (200°) per 15/20 minuti. 

Polentainfiore

Occorrono:

700 gr. di farina gialla da polenta, il tipo "bramata"
400 gr. di toma di toma di montagna, fresca, grassa, porosa
1 litro e mezzo di panna fresca di baita (se non la troviamo di baita, che sia ottima, freschissima)
sale

Facciamo bollire la panna nel paiolo, dopo aver aggiunto una presa di sale grosso. Non appenna inizia a bollire versiamo a pioggia la farina gialla, mescoliamo con cura, amalgamiamo bene, senza formare grumi, così da rendere l'impasto giustamente consistente. Facciamo cuocere, mescolando spessissimo per 40 minuti a fuoco forte. Qualche minuto prima che la cottura si completi aggiungiamo la toma tagliata a fettine. Diamo ancora una rimestata e versiamo nel tagliere prima che il formaggio sia completamente sciolto.
 

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...





di

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.