I primi piatti di Neta



Mezze maniche rigate con la genovese 

Occorrono:

500 gr. di mezze maniche rigate
1 bel pezzo di carne di manzo, intero che pesi sui 400/500 gr.
800 gr. di cipolle bianche, affettate ad anelli sottilissimi
olio extra vergine d'oliva
un trito abbondantissimo di carota, sedano, spezie e odori 

In un ampio tegame poniamo il trito, la carne, le cipolle ed un bicchiere d'olio vergine d'oliva. Dopo una leggera rosolatura aggiungiamo una spruzzata di sale ed un grosso bicchiere di vino bianco secco; lasciamo cuocere a fuoco dolce (meglio se sulla stufa a legna) per 3 ore, in modo che la carne ceda tutti i suoi umori al sugo.Aggiungiamo, se il caso, durante la cottura, qualche mestolino d'acqua o di vino bianco. Trascorso tale tempo, leviamo la carne (buona per il gatto), la salsa dovrà risultare quasi sfatta, ambrata, densa, profumata, quasi come una crema. Cuociamo le mezze maniche rigate in abbondante acqua salata, non appena sono cotte tuffiamole nella "genovese" bollente, e serviamo subito. 



Rigatoni in crudaiola

Occorrono
500 gr. di rigatoni
 una tazzona di salsa di pomodoro preparata in casa con i pomodori freschi 
 4 spicchi d'aglio
un mazzo di basilico freschissimo
un peperoncino fresco e piccante
ricotta salata, stagionata, da grattugia
sale

 Prepariamo , con la mezzaluna, un trito con l'aglio, il basilico e il peperoncino. Aromatizziamo la salsa di pomodoro con questi ingredienti. Cuociamo la pasta al dente, in abbondante acqua salata, poniamola in una zuppiera poi versiamoci sopra la salsa" crudaiola". Aggiungiamo una nevicata di ricotta salata, grattu-
giata e serviamo.


Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...





di

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.