I primi piatti di Neta


Bucatini  con melanzane e ricotta

400 gr. di  bucatini
3 spicchi d'aglio, 
2 melanzane lunghe
un mazzo di freschissimo basilico
10 pomodorini, del tipo "piccadilly"
ricotta di pecora, stagionata, da grattugia
olio extra vergine d'oliva
sale

Laviamo le melanzane, asciughiamole, poi tagliamole a dadini e sofriggiamole immediatamente nell'olio. Aggiungiamo i pomodorini tagliati a metà e cuociamo per pochi minuti. A fuoco spento uniamo le foglie di basilico spezzettate con le mani. Cuociamo i bucatini in abbondante acqua salata, scoliamoli al dente, e poi tuffiamoli nel tegame con le melanzane ed i pomodorini facendoli saltare a fuoco vivo. Prima di servire completiamo con una nevicata di ricotta di pecora grattugiata.


Fettuccine fagiolaie

Occorrono:

400 gr. di fettuccine
3 etti di fagioli secchi di Lamon
uno spicchio d'aglio
un mestolino di passata di pomodoro
un peperoncino piccante fresco
olio extra vergine d'oliva
sale

La sera prima mettiamo in ammollo i fagioli. Al mattino versiamo in un ampio tegame, copriamoli con acqua salata e facciamoli cuocere a fuoco dolcissimo per un paio d'ore. (qui alla Taverna adoperiamo un'ampia pignatta di terracotta che poi poniamo in un angolo del camino acceso).

Non appena i fagioli saranno cotti, soffriggiamo in un padellone l'aglio ed il peperoncino, aggiungiamo la passata di pomodoro, e, dopo 5 minuti, i fagioli scolati, con 3 mestoli dell'acqua di cottura, regolando di sale. Cuociamo le fettuccine in abbondante acqua salata, scoliamole al dente, poi tuffiamole ancora grondanti nel padellone con i fagioli, Mescoliamo con cura e serviamo bollente.

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...





di

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.