Crea sito

I primi piatti della vecchia Neta

          


Rigatoni alla pastora

Occorrono: 
100 gr. di rigatoni per commensale
250 gr. di ricotta di pecora freschissima
peperoncino rosso piccante e secco
olio extra vergine d'oliva

Fate cuocere i rigatoni al dente in abbondante acqua salata. Qualche minuto prima di scolarli
ponete la ricotta in una terrina grande piuttosto profonda e fatela ammorbidire con mezzo mestolo dell'acqua di cottura della pasta. Irrorate con due cucchiai di olio extravergine e cospargete con una manciatina di peperoncino piccante secco sbriciolato. Scolate i rigatoni, tuffateli nella ricotta, mantecate bene e servite caldissimo.


Ditaloni rigati con i broccoli

Occorrono:
300 gr. di broccoletti surgelati (già puliti e separati)
100 gr. per commensale di ditaloni giganti rigati
12 filetti di acciuga sott'olio
4 grossi porri (solo la parte bianca, tritata)
una manciatina di prezzemolo tritato
un dl. di vino bianco secco
sale e pepe
olio extra vergine d'oliva

In un padellone con un pò d'olio fate soffriggere dolcemente i porri, quando sono coloriti aggiungete i filetti d'acciuga perchè si sciolgano, metteteci il prezzemolo tritato, spruzzate con il vino e lasciate evaporare.
Aggiungete i broccoli, un mestolo di acqua calda, una spruzzata di pepe nero macinato sul momento, una presina di sale; mescolate bene, lasciate cuocere per un quarto d'ora. Nel contempo preparate la pasta, fate in modo che più o meno i tempi di cottura siano uguali.
Quando la pasta è cotta, scolatela e ancora molto umida versatela nel padellone. Rimestate accuratamente, servite subito.

Le nostre ricette

                         

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

Uno degli ortaggi del nostro orto

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.