Crea sito

I primi piatti di Neta


Riso con le arance

Occorrono:
300 gr. di riso Superfino Arborio o Carnaroli
una grossa noce di burro
6 arance rosse "sanguinelle"
un trito finissimo composto da un cuore di sedano freschissimo e due cipolle rosse di Tropea
sale
pepe nero in grani
un pugnetto di prezzemolo tritato sul momento

Prepariamo il soffritto con il trito di cipolla e sedano ed il burro.Aggiungiamo il succo delle arance sanguinelle e la buccia grattugiata (dopo averla ben lavata e spazzolata!) di una di esse. Saliamo e portiamo a ebollizione. Versiamo il riso e procediamocome per un normale risotto, aggiungendo (all'inizio di cottura! e non alla fine) qualche mestolo di brodo bollente di carne o di dado. A cottura ultimata versiamo il riso in un bel piatto di portata, spolverizziamolo di pepe nero macinato sul momento e con il prezzemolo tritato. Decoriamo tutto intorno al piatto con fettine d'arancia e serviamolo caldissimo.


Tagliatelle con le acciughe

Occorrono

350 gr. di tagliatelle
10 acciughe sotto sale, private della lisca e del sale in eccesso, tagliate a pezzettini
4 grossi spicchi di aglio
un bicchiere piccolo di olio extra vergine d'oliva
sale
pepe nero in grani

In un padellone antiaderente, facciamo soffriggere le acciughe con l'olio e l'aglio tritato finissimo. Intanto in abbondante acqua salata facciamo cuocere le tagliatelle. Non appena sono pronte, scoliamole velocemente e versiamole nel padellone, mescolando con cura perchè si insaporiscano ben bene nel soffritto di aglio e acciughe. Spolverizziamo di pepe nero in grani macinato sul momento e serviamole caldisime. 



Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

Uno degli ortaggi del nostro orto

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.