Crea sito

I primi piatti di Neta


Spaghetti bella Napoli


Occorrono:
300 gr. di spaghetti
gr. 100 di ventresca di tonno sott'olio (sgocciolata)
6 acciughe sottosale, tagliate a pezzettini (diliscate e sciacquate sotto l'acqua corrente)
1 mestolo di brodo di pesce
sale
pepe nero in grani

In una scodella mescoliamo i filetti di acciuga con il tonno, schiacciamo con la forchetta e mescoliamo con cura per ottenere un impasto cremoso. Stemperiamo l'impasto nel brodo caldo, e profumiamo con pepe nero in grani macinato sul momento, Cuociamo gli spaghetti al dente, n abbondante acqua salata. Scoliamoli e mescoliamoli con il condimento. Serviamoli caldissimi.


Macedonia di spaghetti

Occorrono

350 gr. di spaghetti
1 trito finissimo preparato con il cuore di un sedano, basilico ed origano fresco
1 peperoncino piccante
400 gr. di pomodori polposi e maturi, privati della buccia e dei semi e poi tritati grossolanamente
2 grossi peperoni arrostiti, privati della buccia e dei semi e poi tagliati a piccole strisce
2 spicchi d'aglio
un peperoncino rosso piccante
un bicchiere piccolo di olio extra vergine d'oliva
sale
pepe nero in grani

In un padellone antiaderente, facciamo soffriggere l'aglio ed il peperoncino con l'olio, non appena hanno preso colore eliminiamoli e versiamo nel padellone i pomodori ed  il trito odoroso, poi aggiungiamo i peperoni arrostiti e lasciamo cuocere dolcemente per una decina di minuti.  Intanto cuociamo gli spaghetti in abbondante acqua salata non appena sono cotti, scoliamoli ed ancora molto umidi versiamoli nel padellone, mescolando molto bene. Una spolverata di pepe nero in grani macinato sul momento e...subito in tavola!  



Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

Uno degli ortaggi del nostro orto

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.