I primi piatti di Neta


Pipiddi (specialità siciliana, una minestrina morbida e profumata, adatta anche ad introdurre un secondo "importante")

Occorrono:

500 di zucchine "neonate" piccolissime, appena raccolte, ancora con il fiore aperto  
un trito finissimo preparato con: origano prezzemolo basilico e 2 spicchi d'aglio 
sale
cannestrato (formaggio pecorino  siciliano, stravecchio impastato con pepe in grani)


Questa deliziosa minestrina si prepara facendo bollire le piccolissime zucchine con i fiori ancora attaccati in abbondante acqua salata. Non appena le zucchette sono cotte si versano con un pò del loro brodo in un'elegante zuppierina. Si profuma con il trito delle erbe e si mescola con cura. Prima di servire si aggiunge un pugnetto di "cannestrato".
Una versione locale, aggiunge un uovo "fresco di giornata" per commensale, rotto nella zuppierina dove sono state appena versate le zucchine con il brodo bollentissimo.
,


Risotto al bacio con zucchine

Occorrono
400 gr. di riso Superfino Arborio, o Superfino Roma o Carnaroli
30 gr. di burro
una tazzina da caffè di olio extra vergine d'oliva
4 zucchine, sode, freschissime, tagliate a fettine
1 bicchiere di vino rosso (corposo, almeno 12,5°)
un trito finissimo composto da una grossa cipolla e 2 spicchi d'aglio
un pugnetto di foglie di prezzemolo freschissime
parmigiano reggiano q.b.
brodo di carne salato (o di dado) bollente q.b.
facoltativo:alcuni fiori di zucca, messi da parte con un pezzetto di gambo in acqua fresca, due zucchine crude tagliate a rondelle sul momento, foglie fresche di basilico e di menta



In un tegame antiaderente scaldiamo il burro e l'olio, facciamo soffriggere il trito di cipolla e aglio. Non appena il trito è colorito, aggiungiamo il riso e le zucchine, una rimestata e poi subito dopo versiamo il vino rosso, che lasceremo sfumare sempre mescolando.
Aggiungiamo ora due mestoli abbondanti di brodo, versando poi ancora nei primi dieci minuti di cottura quasi tutto il brodo necessario. Rimestiamo spesso. Non appena il riso è pronto, sodo e nello stesso tempo morbido morbido,  , versiamolo in un piatto ovale fondo di portata ed aggiungiamo in superficie le foglie di prezzemolo tritate sul momento con il tritaprezzemolo. Poi sarà il momento di ricoprire il risotto con una nevicata di falde di parmigiano reggiano sottili e leggere.
Se vogliamo possiamo decorare i bordi del piatto alternando fiori di zucca crudi e rondelle di zucchine crude con foglie freschissime di basilico e di menta.



Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

Uno degli ortaggi del nostro orto

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.