Crea sito

I primi piatti di Neta

Ditaloni rigati con piselli
Occorrono:
ditaloni rigati (100 gr. per commensale)
una scodella di piselli freschi, appena raccolti
(se questo non è  possibile vanno ultrabene anche i piselli surgelati)
gr.100 di prosciutto cotto di coscia, tritato
una cipolla tritata
una grossa noce di burro fresco
olio extra vergine d'oliva
un trito di freschissimo prezzemolo
sale
pepe

In un padellone tipo "wok" facciamo rosolare la cipolla nel burro e nell'olio, non appena prende colore uniamo il prosciutto cotto, lasciamo rosolare un paio di minuti, poi versiamo i piselli, e il trito di prezzemolo. Mescoliamo e aggiungiamo un mestolo di acqua calda. Portiamo avanti la cottura, aggiungendo eventualmente ancora un pochino di acqua calda,
(i piselli non devono asciugare troppo) mentre portiamo a ebollizione l'acqua salata per far cuocere i ditaloni rigati. Non appena i ditaloni sono pronti (occorrono circa 12') scoliamoli ed ancora molto umidi versiamoli nel padellone mischiandoli con i piselli. Mescoliamo bene, aggiungiamo altro prezzemolo tritato sul momento con il tritaprezzemolo ed una spolverata di pepe in grani macinato all'istante al mulinello.
Serviamo immediatamente.



Trenette in salsa di carciofi

Occorrono:
trenette (100 gr. per commensale)
4 cuori di carciofo freschi o surgelati, affettati sottilmente
250 gr. di polpa di pomodori freschi tritati (privati della buccia, dei semi e dell'acqua in eccesso)
1 pugnetto di capperini sottosale, sciacquati e strizzati
una cipolla tritata
un pugnetto di freschissimo prezzemolo tritato
sale
pepe nero in grani

Facciamo soffriggere i carciofi in olio extra vergine d'oliva insieme alla cipolla
poi  aggiungiamo i capperi e la polpa dei pomodori freschi. Lasciamo cuocere una ventina di minuti mentre facciamo cuocere le trenette in abbondante acqua salata. Non appena le trenette sono pronte, scoliamole e tuffiamole nel sugo dei carciofi. Spolveriamo con il trito di prezzemolo e con pepe nero in grani macinato sul momento al mulinello. Serviamo le trenette caldissime.





Lessiamo gli asparagi, poi preleviamo con un coltello solo la parte verde.
In un'ampia padella soffriggiamo il prosciutto nel burro e nella menta, poi uniamo anche gli asparagi e lasciamo insaporire. Serviamo su fette di pane casereccio dorate in forno.

 



Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...




 

 




 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.