Crea sito

I primi piatti di Neta

Minestrina di pan grattato
 
Occorrono

Occorrono:
pangrattato
brodo di carne o di dado
un cucchiaio di basilico o di prezzemolo tritati
formaggio grattugiato (parmigiano, grana, o pecorino)
olio extra vergine d'oliva

Abbrustolici il pane dentro una padella antiaderente, facendo attenzione che non bruci. Versa il brodo bollente in una zuppiera, poi unisci il pane e mescola con cura, la minestrina deve risultare semi-densa.
Insaporisci con un cucchiaio di olio extra vergine d'oliva, il basilico o il prezzemolo tritati, abbondante formaggio grattugiato.



Penne&friggitelli

Occorrono:
400 gr, di penne rigate (o anche altri tipi di pasta)
200 gr. di peperoni verdi "friggitelli", privati del torsolo e dei semi, poi tagliati a listerelle
2 grossi pomodori succosi e maturi, privati della buccia, strizzati per eliminare i semi e l'acqua in eccesso e poi tritati in modo grossolano
un trito freschissimo di origano e basilico
olio extra vergine d'oliva
sale

In un padellone antiaderente tipo wok facciamo scaldare l'olio extra vergine, quando è ben caldo versiamo i peperoni, e facciamoli "saltare" per un paio di minuti. Uniamo poi i pomodori tritati e profumiamo con il trito di origano e basilico. Abbassiamo il fuoco e lasciamo sobbollire dolcemente, aggiungendo se il caso un mestolino o due d'acqua bollente, mentre in abbondante acqua salata facciamo cuocere le penne. Non appena la pasta sarà cotta,scoliamola velocemente ed ancora molto umida versiamola nel padellone.A fuoco vivace rimestiamo con cura perchè pasta peperoni e sugo si mescolino perfettamente, copriamo con un coperchio trasparente e portiamo in tavola, caldissimo, direttamente nel padellone.



Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.