Crea sito

I primi piatti di Neta


Trenette con il pesto alla genovese
 

Occorrono:

400 gr. di trenette
una grossa patata bollita, tagliata a piccoli cubetti
una manciata di fagiolini freschi (o surgelati)
pesto alla genovese molto abbondante (il segreto per la riuscita di questa ricetta sta nell'abbondanza del pesto)

Mettiamo a bollire abbondante acqua salata. Quando l'acqua bolle versiamo nella pentola i fagiolini, dopo circa dieci minuti (nel frattempo l'acqua avrà ripreso bollore) versiamo la pasta. Lasciamo cuocere le trenette e qualche minuto prima di scolarle aggiungiamo i dadini di patata bollita. Nel frattempo avremo diluito il pesto con un mestolino di cottura della pasta. Scoliamo le trenette e condiamole con il pesto abbondantissimo. Serviamo fumante.



Boulette de pommes de terre en fondue (gnocchi di patate con fonduta)
Per i gnocchi 
1 kg, di patate farinose, sbucciate
             latte intero fresco
             2 uova freschissime
             farina bianca q.b.
             sale&pepe

Per la fondue
400 gr. di fontina d'Aosta tagliata pezzetti
gr 50 di latte intero fresco
3 tuorli d'uovo freschissimi
sale.

Porre in una casseruola la fontina tagliata a pezzetti, il latte, i tuorli delle uova ed una presa di sale. Rimestare il tutto con cura e cuocere a fuoco dolcissimo, mescolando senza interruzione. Lentamente il formaggio comincerà a sciogliersi, il suo aspetto cremoso suggerirà il giusto momento per levarla dal fuoco (deve sciogliersi, ma non deve filare)

 
Cuociamo nel latte le patate, non appena sono cotte leviamole dalla pentola, scoliamole, e passiamole subito con lo schiacciapatate. Saliamole con moderazione e lasciamole raffreddare. Quando sono ben fredde, aggiungiamo due uova sbattute e tanta farina quanto basta per ottenere un impasto elastico ma piuttosto consistente, con il quale prepareremo tante pallottoline, piuttosto piccole che faremo cuocere qualche minuto in abbondante acqua salata. Non appena vengono a galla, scoliamole con il mestolo forato e poniamole in un piatto di portata fondo e ovale. Versiamo sulle "boulettes" caldissime la fondue bollente. Spolveriamo con pepe nero in grani macinato sul momento e serviamo immediatamente.

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

 

 

 

 

 

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.