Crea sito

 




I primi piatti di Neta

Zuppa&zucca

Occorrono:

650 gr. di zucca, pulita, sbucciata e tagliata a piccoli tocchetti
2 cipolle sbucciate e tritate
2 mele sbucciate, private del torsolo, tagliate a dadini e poste in un poco d'acqua e succo di limone
2 cucchiai di curry in polvere
brodo di dado
sale&pepe
una noce di burro

Facciamo soffriggere le cipolle in un padellone con una noce di burro, quando hanno preso leggermente colore uniamo anche il curry e una tazzina di brodo caldo, lasciamole cuocere a fuoco dolce per una decina di minuti. Trascorso tale tempo uniamo nel padellone anche la zucca e le mele, spruzziamo di sale e pepe. Lasciamo cuocere per una ventina di minuti , aggiungendo, se occorre, ancora un pocodi brodo caldo. Quando la zucca è cotta, passiamo il tutto al passaverdure e uniamo brodo bollente quanto occorre per ottenere una zuppa che verseremo in terrine individuali,una per commensale.

Gazpacho bianco

Occorrono:

200 gr. di cipolle bianche di qualità molto dolce, tagliate ad anelli molto sottili
il cuore di un sedano bianco, tenerissimo,  pulito e tagliato a pezzettin
2 cucchiai di ottimo aceto di vino bianco
una tazzina da caffè di olio extra vergine d'oliva (di prima spremitura)
sale fino
pepe nero in grani macinato al mulinello

Poniamo sedano e cipolle nel frullatore, aggiungiamo l'olio, l'aceto, un bicchiere d'acqua e frulliamo sino ad ottenere un composto liquido e cremoso. Versiamo il composto in una terrina e completiamo salando con moderazione e con una spolverata di pepe nero in grani macinato al mulinello. Poniamo in frigorifero per alcune ore. Serviamo con cubetti di ghiaccio.

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.