Crea sito




I primi piatti di Neta


Riso al limone
Occorrono:
400 gr. di riso superfino arborio
un trito di freschissimo prezzemolo
 il succo di due limoni
due spicchi d'aglio
1/2 bicchiere di olio extra vergine d'oliva
 
sale&pepe

Lessiamo il riso al dente. Prepariamo una salsina con l'olio, il trito di prezzemolo, gli spicchi d'aglio sbucciati, il succo dei limoni, una presa di sale.Facciamo intiepidire la salsina, che avremo sbattuto con una forchetta (attenzione l'olio non deve friggere, solo scaldarsi). Scoliamo il riso e poniamolo in una terrina riscaldata, condiamolo con la salsina tiepida, mescolando con cura. Spolverizziamolo con un'abbondante macinata di pepe nero macinato fresco al mulinello e prima di servire leviamo i due spicchi d'aglio che hanno ceduto tutto il loro aroma. Serviamolo ben caldo.


Risotto della stufa 

Occorrono:
400 gr. di riso superfino arborio
una grossa noce di burro 120 gr.
due piccole cipolle
2 chiodi di garofano
1 grattatina di noce moscata
sale&pepe
800 gr. di acqua

In un'ampia casseruola, con il fondo antiaderente, poniamo il riso e l'acqua,uniamo la cipolla nella quale avremo conficcato il chiodo di garofano, il burro tagliato a pezzetti, un nonnulla di noce moscata, una presa di sale ed una spolverata di pepe.Copriamo la casseruola con un coperchio che la sigilli bene, poi poniamola sul ripiano già caldo della stufa a legna. A cottura ultimata, dopo circa 30 minuti, il riso dovrà presentarsi asciutto e con i chicchi ben sciolti, allora mescoliamolo con cura e serviamolo immediatamente. 

Le nostre ricette




Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.