Crea sito




I primi piatti di Neta


Bucatini&cirasedde 

Occorrono: 
Bucatini gr.400 
1 peperoncino piccante secco 
1 peperoncino dolce secco 
2 spicchi d'aglio 
1/2 bicchiere piccolo d'olio extra vergine d'oliva 
una presa di sale Cuociamo i bucatini al dente.Vesiamo la metà circa dell'olio in una casseruolina, uniamo gli spicchi d'aglio e lasciamo rosolare fino a che saranno dorati, poi mettiamo nella casseruola i peperoncini e continuiamo a rosolare fino a che saranno diventati ben gonfi e croccanti (attenti a non farli bruciare!!!). A questo punto scoliamo insieme agli spicchi d'aglio e pestiamolo ben bene. Rimettiamoli poi nella casseruolina, uniamo il restante olio e un attimo prima di scolare i bucatini facciamo scaldare l'intingolo mescolando in continuazione (lasciamoli pochissimo sul fuoco perchè tendono ad annerire).
Scoliamo i bucatini, versiamoli in una terrina, aggiungiamo la salsa e serviamo immediatamente.

Ziti alle cipolle

Occorrono:
ziti gr.400
cipolle  rosse di Tropea gr.350
1/2 bicchiere piccolo d'olio extra vergine d'oliva
un pugno di freschissime foglie di basilico
pepe nero in grani
sale

Tagliamo ad anelli sottili le cipolle, poniamole in una casseruola ed aggiungiamo tanta acqua quanto basta per coprirle, saliamo con moderazione e lasciamo cuocere a fuoco dolce mescolando spesso. Quando le cipolle saranno a metà cottura, lessiamo gli ziti. Non appena le cipolle saranno cotte mescoliamole con un cucchiaio di legno perchè diventino come una crema. Uniamo tutti l'olio, una spolverata di pepe nero macinato fresco al mulinello e le foglie di basilico spezzettate con le dita. Scoliamo gli ziti ormai cotti e mescoliamoli all'intingolo. Serviamo caldissimo


Le nostre ricette




Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.