Crea sito




I primi piatti di Neta




Risotto con i finocchi (risi coi fenoci) 

Occorrono:

400 gr. di riso
2 bei finocchi teneri
burro gr.70
1 cipolla
brodo di carne q.b
pepe&sale.Puliamo i finocchi e tagliamoli a striscioline sottilissime. Tagliamo ad anelli sottili anche la cipolla poi mettiamola nella casseruola con 20 gr. di burro e lasciamola soffriggere per qualche minuto, poi aggiungiamo i finocchi, una presina di sale e facciamoli insaporire per un quarto d'ora a fuoco moderato, mescolandoli spesso facendo attenzione che rimangano ben morbidi. Trascorso tale tempo aggiungiamo il riso, facciamolo insaporire per qualche minuto poi uniamo due mestoli di brodo bollente e, mescolando quasi in continuazione prepariamo il risotto, aggiungendo, se necessario, ancora un poco di brodo. A cottura ultimata amalgamiamo con il restante burro a pezzi e spolveriamo con una buona dose di pepe nero in grani macinato al mulinello.

Riso con i peperoni 

Occorrono:

gr.400 di riso superfino arborio
2 peperoni (uno rosso e uno giallo) grigliati,privati della pelle, tagliati a striscioline
1 trito finissimo di prezzemolo, aglio e basilico
cipolle bianche gr.300, tagliate ad anelli sottilissimi
4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
burro gr.25
.

Poniamo in una casseruola gli anelli di cipolla con il burro e tutto l'olio, quando sono appassite uniamo il trito e i peperoni, una presina di sale, una soffiata di pepe e facciamo insaporire, a fuoco dolce, per alcuni minuti.
Intanto lessiamo il riso in abbondante acqua salata, scoliamolo e mantechiamolo con gli altri ingredienti già pronti. Serviamo immediatamente.

Le nostre ricette




Le nostre ricette




Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.