Crea sito




I primi piatti di Neta


Ravioli di melanzane

Prepariamo la pasta sfoglia con 500 gr. di farina, 5 uova intere, sale, un filo d'olio. Stendiamo un foglio sottile per accogliere il ripieno che si prepara con:

1 melanzana
1 piccolo trito di freschissimo basilico
una piccola tazza di salsina di pomodoro
una mozzarella freschissima, tritata a pezzetti minuti
olio extra vergine d'oliva

Tagliamo la melanzana a cubetti e cuociamola a fuoco dolce con un poco d'olio extra vergine d'oliva. Non appena è cotta poniamola in una terrina a intiepidire,uniamo poi la mozzarella, il trito di basilico e la salsina di pomodoro.
Ora disponiamo i mucchietti di ripieno con un cucchiaino sul foglio di pasta e prepariamo i ravioli. Tuffiamoli nell'acqua bollente salata per una decina di minuti, scoliamoli in una terrina e condiamoli solo con un filo di olio extra vergine d'oliva di prima spremitura  ed una spolverata di pepe nero macinato sul momento al mulinello.


Spaghetti coccodè

Occorrono:

250 gr. di spaghetti spezzettati
un trito di freschissimo prezzemolo
per il brodo di gallina:
una gallina pulita, spennata, svuotata
qualche foglia di lauro
un gambo di sedano
una grossa cipolla
sale

Immergere la gallina in 4 litri d'acqua fredda e porre a cuocere (l'ideale sarebbe cuocerla sul fuoco della stufa a legna, come faccio io). Non appena il brodo si sarà ridotto della metà, togliere la gallina, lasciarla un poco intiepidire, poi tagliare il petto del volatile a pezzettini e tuffarli nel brodo bollente. Aggiungere gli spaghetti spezzettati ed una presa di sale. Lasciar cuocere per una decina di minuti. Servire in larghe scodelle la minestra fumante insaporendo con un cucchiaino di prezzemolo tritato per ogni scodella.






Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.