Crea sito




I primi piatti di Neta


Riso con castagne&acciughe

Occorrono:

500 gr. di riso tipo vialone nano
500 gr. di castagne sbucciate e private della pellicina
1 grossa cipolla tritata
1 tazza di passata di pomodoro
4 filetti di acciughe sott'olio
olio extra vergine d'oliva
sale

In un ampio tegame facciamo appassire con poco olio la cipolla tritata, poi versiamo la salsa di pomodoro, allunghiamo con un mestolo d'acqua e poniamo a bollire le castagne, saliamo con moderazione. In un tegamino a parte prepariamo una salsina con l'olio e i filetti di acciuga. Lessiamo il riso in una pentola e non appena è cotto al dente, scoliamolo e versiamolonel tegame con le castagne ormai spappolate nel tegame. Mescoliamo, uniamo la salsina a lle acciughe e serviamo caldissimo.

Penne maialine

400 gr. di penne rigate
5oo gr. di costine di maiale con il loro lardo ancora attaccato
una grossa cipolla bianca affettata ad anelli sottilissimi
un trito di prezzemolo
pecorino pepato siciliano, stravecchio

In um ampio tegame con il fondo antiaderente facciamo soffriggere le costine di maiale in modo che tutto il lardo si sciolga e rimanga nel tegame. Nel solo lardo sciolto facciamo appassire la cipolla con il trito di prezzemolo.

Cuociamo le penne al dente e non appena sono pronte tuffiamole nel sughino di lardo, cipolla e prezzemolo. Mescoliamo con cura, poi portiamole in tavola direttamente nel tegame dopo averle cosparse con una nevicata di pecorino pepato siciliano stravecchio.


Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.