Crea sito




I primi piatti di Neta


Tagliatelline di meliga con il sugo al magrodilardo  

Occorrono:

per la pasta:

325 gr. di farina di frumento tipo 00
325 di farina gialla di meliga tipo "fioretto"
8 uova freschissime

per il sugo:

150 gr. di lardo di maiale tagliato a fettine
6 cipollotti bianchi
250 gr. di polpa di pomodoro
1 foglia di alloro
un rametto di origano (o di maggiorana)
un rametto di rosmarino
3 cucchiai d'olio extra vergine d'oliva

Mescoliamo bene le due farine e disponiamole a fontna sulla spiantoia uniamo 5 uova intere e 3 tuorli. Impastiamo con cura e stendiamo una sfoglia sottile.  Facciamola riposare per una decina di minuti, spolveriamola di farina quindi arrotoliamola. Tagliiamo il rotolo perpendicolarmente alla lunghezza con un coltello affilatissimo ricavando così delle tagliatelline molto sottili. Portiamo a ebollizione una pentola con acqua salata e cuociamo e tagliatelline per qualche minuto. Togliamole dall'acqua ancora al dente, con la schiumarola e condiamole con:

il sugo al magrodilardo

il magro del lardo  è costituito dalle strisce rosee e carnose  fra uno strato di grasso e l'altro. Lo si ottiene eliminando la parte bianca adiposa con un coltello affilatissimo. Il magro così ottenuto lo triteremo con la mezzaluna. Tritiamo finemente con la mezzaluna anche i cipollotti con un pò di verde del gambo e gli aromi (alloro, origano e rosmarino). Uniamo i due triti e facciamoli soffriggere nell'olio a fuoco dolce, per 10 minuti. Aggiungiamo la polpa di pomodoro, una presa di sale e cuociamo per 20 minuti. Versiamo il sugo caldo sulle tagliatelline.

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.