Crea sito




I primi piatti di Neta


Minestra con le pannocchie fresche di mais

Occorrono:

3 pannocchie fresche di mais, raccoglierlo quando schiacciando un grano con un'unghia sprizza ancora il "latte"
200 gr. di fagioli freschi di Lamon o Borlotti
2 belle patate
una cipolla
uno spicchio d'aglio
una salsiccia fresca, di maiale
80 gr. di lardo
sale&pepe

Bolliamo per una mezz'oretta le pannocchie poi sgraniamo il mais. Poniamo i chicchi in una pentola con i fagioli, la salsiccia e un battuto di lardo, aglio e cipolla (non soffritti, a crudo). Copriamo con due litri d'acqua e portiamo lentamente a ebollizione. A metà cottura aggiungiamo sale e pepe poi le patate, pelate e tagliate a dadini. Ultimiamo la cottura, mescolando.

Minestra suina della strega

Occorrono:

120 gr. di riso
1 kg. di patate, sbucciate e tagliate a pezzetti
una grossa cipolla tagliata ad anelli sottilissimi
2 spicchi d'aglio
una foglia di allora
un trito di freschissimo prezzemolo
2 kg. di ossa di maiale fresche
sale&pepe
un trito di freschissimo prezzemolo

Riuniamo in un paiolo le ossa, le patate,la cipolla, l'aglio e l'alloro. Copriamo con 6/7 litri d'acqua, poniamo il paiolo sulla stufa a legna o appeso alla catena del camino. Lasciamo cuocere fino a quando le patate saranno completamente spappolate. A questo punto togliamo le ossa ed aggiungiamo il riso, cuociamolo per una ventina di minuti. Trascorso tale tempo saliamo, pepiamo con moderazione ed aggiungiamo una manciata di prezzemolo tritato e qualche cucchiaio di grana padano grattugiato. 



Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.