I primi piatti di Neta


Tubetti rigati del marinaio

Occorrono:

400 gr. di tubetti rigati
4 cicale di mare
4 scampi
4 calamari
300 gr. di frutti di mare assortiti
200 gr. di pomodorini
un trito di freshissimo prezzemolo
uno spicchio d'aglio
un peperoncino piccante fresco
olio extra vergine d'oliva

Poniamo in una teglia qualche cucchiaio d'olio, i pomodorini tagliati a metà, l'aglio ed il peperoncino tagliato a pezzetti facciamo cuocere  per 3/4 minuti. Trascorso tale tempo aggiungiamo i frutti di mare ed il pesce, pulito e tagliato a pezzetti, lasciamo insaporire per qualche minuto. Versiamo un litro d'acqua, una presa di sale e facciamo bollire per 5 minuti. Trascorso tale tempo cuociamo i tubetti rigati nello stesso brodo del pesce. Quando la pasta è quasi cotta aggiungiamo due cucchiai d'olio e il trito di prezzemolo. Serviamo caldissimo.


Minestra di riso del giullare

Occorrono:

120 gr. di riso
un osso di prosciutto
300 gr. di "pastin" (pasta di salsiccia)
300 gr. di cavolo verza, tagliato a striscioline
una cipolla, una carota, una costa di sedano, due spicchi d'aglio
sale
noce moscata

Prepariamo il brodo in una grossa pentola, copriamo l'osso di prosciutto con acqua leggermente salata ed uniamo le verdure, facciamo bollire lentamente per almeno un'ora e mezza, schiumando di tanto in tanto. Quando ilbrodo è pronto filtriamolo con un colino e rimettiamolo sul fuoco con le striscioline di verza.Facciamo bollire per circa 20 minuti poi aggiungiamo il riso ed il "pastin". Bolliamo ancora per un quarto d'ora poi aggiungiamo un nonnulla di noce moscata grattugiata. La minestra di riso del giullare è pronta.



Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.