I secondi piatti del Mulo 


Orata al marsala

Occorrono:

2 belle orate, pulite, private delle interiora e delle squame, 
200 gr. di patate, sbucciate e tagliate a tocchetti
200 gr. di cipolline fresche, private della buccia e tritate
farina bianca q.b.
un bicchiere di marsala secco
1/2 limone
un cucchiaino di polvere di peperoncino piccante
olio extra vergine d'oliva
1 presa di sale fine

Soffriggiamo in un padellone le cipolline tritate con una presa di polvere di peperoncino piccante, poi aggiungiamo le patate. Infariniamo le orate, già preparate per la cottura, poi facciamole rosolare bene da tutte le parti, spruzziamole di sale poi con il marsala secco ed il succo di mezzo limone. Poi poniamole dentro una teglia insieme al soffritto di patate e cipolle. Poniamo in forno già caldo 160° e facciamo cuocere per 40'. A metà cottura irroriamo con olio extra vergine d'oliva e cucchiaiate del fondo assieme alle cipolle.

Neonata di pesce con broccoletti neri

Occorrono: 

1 kg di neonata di pesce
1 kg. di broccoletti neri di Sicilia
un trito freschissimo di prezzemolo, aglio, peperoncino piccante

Sciacquare la neonata di pesce sotto l'acqua corrente, poi porla a soffriggere alcuni minuti  in padella con il trito di aglio e prezzemolo ed una spolverata di sale. Lessare le infiorescense dei broccoletti. In una teglia da forno unta d'olio. Disporre netta teglia uno strato di broccoletti quindi versare la neonata rosolata, quindi chiudere con uno strato leggero di broccoletti.  Versare olio extra vergine a filo e il succo del limone. Passare in forno già caldo 160° per un quarto d'ora. Servire caldissimo.


Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.