Crea sito




I secondi piatti del Mulo 


Caponatina dell'8 dicembre

Occorrono:

500 gr. di gambi freschissimi di sedano bianco
300 gr. di mandorle tostate e tritate
due cucchiai di mollica di pane tostata
300 gr. di uva passa
200 gr. di capperini di Pantelleria sottosale (sciacquati e strizzati)
500 gr. di olive verdi denocciolate
1/2 bicchiere di fortissimo aceto d vino
1 cucchiaio di zucchero
alcuni chicchi di melograno
olio extra vergine d'oliva
sale

Lessiamo il sedano in acqua salata lasciandolo al dente. Poi rosoliamolo con le olive e i capperi,aggiungiamo l'uva passa e lasciamo cuocere per una mezz'ora. Prepariamo l'agrodolce con aceto e zucchero e sfumiamo a fuoco vivo. A cottura ultimata aggiungiamo le mandorle e la mollica. Disponiamo il tutto sopra un piatto di portata cospargendo la verdura con mandorle tritate e chicchi di melagrana.e cucchiaio di zucchero glassando con ilburro e lo zucchero.Passare il fondo di cottura del pollastro al setaccio. Adagiare il pollo nel piatto di cottura ed irrorarlo con il fondo, poi guarnirlo con i capperi e la frutta glassata. 

Uova all'amatriciana

Occorrono:

8 uova freschissime (meglio se sono state appena raccolte nel pollaio)
olio extra vergine d'oliva
1 cipolla affettata ad anelli sottilissimi
100 gr. di guanciale tagliato adadini
due patate lessate e tagliate a fettine sottili
un peperoncino piccante fresco, tritato
sale

Porre ad appassire la cipolla in una padella provvista di fondo antiaderente  con l'olio, non appena la cipolla è pronta aggiungere i dadini di guanciale e le patate. Mescolare bene poi aggiungere le uova sbattute, leggermente salate ed il peperoncino. Mescolare bene,non appena la frittata inizia a rapprendersi scuotere leggermente la padella per staccarla bene dal fondo, capovolgerla sopra un largo piatto, poi lasciarla scivolare dolcemente nella padella e cuocerla dalla parte opposta. Il tutto a fuoco vivace, perchè la frittata risulti dorata e non impregnata di grasso. Servirla ben calda.

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.