Crea sito

I secondi piatti del Mulo

Pollastro di campagna

Occorrono:
Un pollo ruspante pulito sventrato e fiammeggiato sul gas per togliere i pelucchi.
50 gr. di burro
rosmarino, un bicchiere di vino bianco
due spicchi d'aglio
olio extra vergine d'oliva
sale e pepe

Tagliate il pollo a metà, seguendo la linea del dorso, schiacciatelo e appiattitelo. Strofinatelo con l'aglio. Deponetelo in un padellone con il burro, l'olio e il rosmarino e fatelo rosolare ben bene. Unite il vino bianco, fatelo evaporare a fuoco vivace, aggiungete sale e pepe, proseguite la cottura per tre quarti d'ora rigirando spesso.
Quando il pollastro sarà cotto tagliatelo a pezzi e disponetelo in un piatto di portata.
Sgrassate il sugo rimasto nel tegame, aggiungete un mestolino d'acqua calda per sciogliere il fondo di cottura, filtratelo e versatelo sul pollo.


Servite con insalatina fresca di stagione e con:

Frites di Amsterdam

Occorrono:

4 patate grosse e lunghe.
olio per friggere
sale e pepe
erbe aromatiche polverizzate


Pelate le patate, tagliatele a bastoncini dello spessore da 1 a 2 cm. non dividetele nel senso della lunghezza. In un'ampia e profonda friggitrice fate scaldare l'olio e quando sarà fumante fate friggere le patate per otto minuti. Estraetele con la schiumarola e fatele scolare su fogli di carta assorbente. Cinque minuti prima di servirle fate scaldare l'olio e quando sarà caldissimo versate le patate e fatele cuocere ancora per due minuti. Estraetele, fatele nuovamente scolare, poi prima di servirle spolverizzatele con sale fine, pepe ed erbe aromatiche polverizzate.


                             








Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I secondi piatti preparati dal Mulo, sono rinomatii in tutta la valle




 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.