Crea sito

I secondi piatti del Mulo

 

Pollastro al sale

Questa gustosissima ricetta è antica come il mondo. Occorre un bel pollastro, pulito, sventrato e fiammeggiato per levare i pelucchi. All'interno mettiamo un rametto di rosmarino e qualche foglia di salvia. Deponiamolo in un'ampia teglia da forno piuttosto alta, foderata con carta di alluminio, cosparsa sul fondo di uno spesso strato di sale grosso marino. Aggiungiamo altro sale, fino a quando il pollastro sarà completamente ricoperto. Cuociamo in forno a 220° per un'ora e mezza. Togliamo il tegame dal forno, e rompiamo il blocco del sale indurito, troveremo un pollastro dorato e cotto alla perfezione.

Accompagnamo con:


Patatine novelle dell'orto

Quando in agosto raccogliamo le patate, mettiamo da parte, invece di scartarle, quelle più piccole, un pò insignificanti, che di solito sono rotonde oppure hanno un ovale perfetto.
Quando vorremo cucinarle, cuociamole a vapore o facciamole bollire per una decina di minuti, poi con un coltellino affilato togliamo loro la buccia. Adagiamole intere in un pirofila foderata con carta da forno, irroriamole con un filo di olio extra vergine d'oliva e passiamole in forno già caldo a 220° per un quarto d'ora. Leviamole dal forno, spruzziamole con sale fine ed erbe di Provenza essicate. Risulteranno croccanti fuori e morbidissime dentro, una semplicissima delizia.



Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...


 

I secondi piatti preparati dal Mulo, sono rinomatii in tutta la valle



 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.