Crea sito

I secondi piatti del Mulo

Pollastro arrosto con patate

Occorrono:

un pollastro del peso di circa kg.1,5 (solo il busto) pulito, fiammeggiato, svuotato.

4 patate private della buccia, sciacquate e tagliate a fette piuttosto spesse

erbe aromatiche fresche: rosmarino, salvia, origano

erbe aromatiche essicate: mix di erbe di Provenza oppure origano

sale fino

pepe

il succo di due limoni

olio extra vergine d'oliva (abbondante)

burro freschissimo

Strofiniamo il busto del pollastro con il sale e con il pepe, poi inseriamo all'interno della cavità vuota le erbe fresche, rosmarino, salvia origano, aggiungiamo anche una noce di burro.

Prepariamo in una scodella un mix con olio extra vergine d'oliva, il succo dei limoni, le erbe di Provenza (oppurel'origano).

Posiamo il pollo in un'ampia teglia rivestita con carta d'alluminio e disponiamo intorno le fette di patate. Poi aiutandoci anche con un pennello, irroriamo molto, ma molto abbondantemente la carne del pollo e le patate con l'olio aromatizzato con il limone e le erbe di Provenza. Disponiamo numerosi fiocchi di burro sulla superficie del pollo e delle patate. Foderiamo il tutto con carta di alluminio.

Accendiamo il forno, portiamolo a 180°, inforniamo e facciamo cuocere a questa temperatura per un'ora e 15'.Poi apriamo il forno, leviamo la copertura di carta di alluminio, portiamo il forno alla massima temperatura e facciamo "dorare" per 7/8 minuti. Sforniamo e serviamo caldissimo tagliando il pollo in tavola ed irrorando le patate con il favoloso sugo di cottura.

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...


 

I secondi piatti preparati dal Mulo, sono rinomatii in tutta la valle

 

 

 



 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.