I secondi piatti del Mulo



Zucchine della zia Antonietta

Occorrono:

12 zucchine, sui 10 cm. di lunghezza e ben panciute
due cucchiai di formaggio pecorino grattugiato
4 uova freschissime, sbattute con un pizzico di sale e un'idea di pepe
1 pugnetto di funghi porcini secchi, posti a rinvenire in una ciotolina di acqua tiepida e poi strizzati
un poco di mollica di pane imbevuta nel latte e poi strizzata
un pugnetto di freschissimo prezzemolo tritato
due cipolline affettate finemente
una noce di burro
pane grattugiato
sale&pepe

Tagliamo a metà le zucchine, poniamole in acqua bollente leggermente salata e lasciamo cuocere per una decina di minuti. Poi raccogliamole delicatamente con la schiumarola e poniamole in un vassoio a raffreddare. Con un piccolo cucchiaino da caffè svuotiamole con delicatezza della polpa interna che passeremo subito in padella con due cipolline finemente affettate ed una noce di burro. In una terrina prepariamo il ripieno con le uova, il pecorino grattugiato, la mollica di pane, una presa di sale fino, una spruzzata di pepe nero in grani macinato sul momento, i funghi secchi, il trito di prezzemolo ed infine la polpa delle zucchine. Mescoliamo tutto con cura e riempiamo le zucchine vuote, allineamole poi in una teglia foderata con carta da forno.
Cospargiamo la superficie delle zucchine con pane pesto,fiocchetti di burro, un velo di pecorino grattugiato Poniamole in forno già caldo (180°) per una ventina di minuti o almeno fino a quando la superficie risulterà dorata.



Broccoletti con le acciughe

Occorrono:
gr. 500 di broccoletti puliti e lessati, scolati e tagliati a pezzetti (ottimi anche quelli surgelati)
olio extra vergine d'oliva
2 grossi spicchi di aglio, tagliati a fettine sottilissime
5 acciughe sott'olio
sale

Soffriggiamo l'aglio nell'olio, aggiungiamo le acciughe e a fuoco molto dolce facciamole sciogliere . Non appena sono sciolte aggiungiamo i broccoletti, un a spruzzata di sale e portiamo a termine la cottura. Serviamoli caldissimi.



Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

Uno degli ortaggi del nostro orto

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.