Crea sito





I secondi piatti del Mulo

 Spalla di maiale alla birra (su letto di crauti)

Occorrono:

1 kg. di spalla di maiale già disossata, privata dell'eventuale grasso e della pelle, poi arrotolata su se stessa e legata con uno spago per arrosti
un trito abbondantissimo di cipolle  (calcolate 500 gr. di cipolle)
un trito composto da rosmarino, salvia alloro e prezzemoloo
sale
pepe nero in grani, macinato al mulinello
30 gr. di strutto di maiale
1/2 litro di ottima birra
un cucchiaio di fecola
un barattolo da 500 gr. di crauti, già pronti, consevati al naturale 

In una capiente pirofila da forno fate sciogliere lo strutto mescolandolo al trito di cipolle ed erbe aromatiche. Lasciate appassire per un quarto d'ora. Poi togliete metà del composto. Adagiate la carne su quello rimanente e ricopritela con quello che avete prelevato. Salate con moderazione, e spruzzate anche un poco di pepe macinato sul momento, poi versate la birra sulla carne. e ricoprite la pirofila con un foglio di carta di alluminio. Ponete a cuocere sulla lastra a metà del forno già caldo (180°) per 2 ore. Quando l'arrosto sarà cotto a puntino, sfornatelo, slegatelo, affettatelo sopra un ampio tagliere.
In un padellone tipo "wok" facciamo bollire il fondo di cottura per 10 minuti a fuoco vivo, incorporando anche la fecola che avremo fatto diluire in una tazza con un poco d'acqua calda. Lasciamo cuocere ancora un istante e manteniamo la salsa al caldo.
E'giunto il momento di preparare i crauti. riscaldiamoli nel loro liquido di governo aggiungendo qualche granello di pepe, qualche bacca di ginepro, due foglie di alloro. Non appena saranno bollenti, diamogli una scolatina veloce adoperando lo scolapasta e stendiamoli ben caldi su un bel piatto di portata ovale e profondo. Adagiamo sopra i crauti le fette di carne ed irroriamole con la salsa caldissima. Serviamo imediatamente.

La Vigilia di Natale.

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...







 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.