Crea sito





I secondi piatti del Mulo

Orata al sale

Occorrono:

Un'orata di circa 1kg. pulita, squamata, lavata ed asciugata
sale grosso

Poniamo l'orata in una pirofila da forno. Ricopriamola completamente con il sale, pressando bene tutt'intorno, quindi mettiamola nel forno già preriscaldato a 170°. L'orata sarà cotta quando il sale avrà formato una crosta dorata. A questo punto, sforniamo il pesce, rompiamo la crosta di sale ed estraiamo con delicatezza l'orata così da evitare di romperla.Disponiamola su di un letto formato da freschissime foglie di lattuga e serviamola con maionese preparata in casa o salsa aioli. 

Krauti (come a Berlino)

Occorrono:

750 gr. di krauti crudi (si acquistano già pronti in scatola) 
2 cipolle sbucciate e tritate molti fini
100 gr. di speck tagliato a dadini
4 salsiccie di tipo tedesco oppure 4 wurstel grossi
1 grossa mela verde sbucciata, privata del torsolo fatta a pezzetti e bagnata con acqua e succo di limone
2 bicchieri di vino bianco secco
10 bacche di ginepro
2 cucchiai di strutto freschissimo
una scodella di brodo
1 bicchierino di acquavite

In un largo tegame ponete sul fuoco i krauti, le cipolle e lo lo strutto, fate scaldare bene e mescolate in continuazione per cinque minuti. Poi unite la mela tagliata a pezzetti, bagnate con il vino bianco, aggiungete le bacche di ginepro e il brodo, mescolate con cura e lasciate cuocere a fiamma moderata per una ventina di minuti. Trascorso tale tempo aggiungete lo speck e dopo un quarto d'ora le salsiccie e l'acquavite. Quando, infine anche le salsiccie sono cotte il piatto è pronto. Si serve caldissimo con kartoffel (patate) bollite a parte e si accompagna con una copiosa bevuta di ottima birra tedesca. 

(A Berlino questo piatto accompagna spesso lo zampetto di maiale cotto al forno...) 

Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...







 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.