Crea sito





I secondi piatti del Mulo

Pomodori ripieni del Punjab


Occorrono:

6 grossi pomodori sodi
1 cipolla finemente tritata
1 cucchiaio di zenzero in polvere
1 spicchio d'aglio schiacciato
1 cucchiaino di pepe nero, macinato sul momento al mulinello
una presa di sale
!/2 cucchiaino di curry in polvere
450 gr. di macinato di bovino
1 peperoncino verde
un trito di foglie di prezzemolio freschissime (del tipo riccio)
spicchi di limone, per guarnire
qualche cuore di freschissima lattuga verde (per servire)
olio extravergine d'oliva

Preriscaldiamo il forno a 180°. Togliamo ai pomodori la calotta superiore, conservandola e svuotiamoli delicatamente della polpa. Poniamoli poi ina una pirofila, foderata con carta da forno.In un padellone tipo wok, facciamo scaldare un poco d'olio extravergine d'oliva, non appena l'olio è caldo aggiungiamola cipolla e facciamola soffriggere, riduciamo la fiamma ed aggiungiamo l'aglio, lo zenzero, il curry, il pepe e il sale. Soffriggiamo a fuoco molto basso per 3/5 minuti.Uniamo la carne macinata, alziamo la fiamma e facciamo cuocere per 10/15 minuti.Trascorso tale tempo uniamo il trito di prezzemolo ed il peperoncino verde anch'esso tritato, facciamo cuocere ancora per 5 minuti.E' giunto il momento di riempire i pomodori con il composto di carne e di rimettere sopra agli stessi la calotta superiore tenuta da parte. Inforniamo per 20 minuti, Trascorso tale tempo sforniamo i pomodori disponiamoli in un bel piatto ovale e contorniamoli con lattuga verde (meglio se riccia) freschissima. Decoriamo con fettine sottili di limone. 


Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...







 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.