Crea sito




I secondi piatti del Mulo 


Lonza di maiale al miele

Occorrono:

800 gr. di lonza di maiale
1 bicchiere divinobianco secco
1 arancia
2 spicchi d'aglio
1/2 litro di brodo
50 gr. di burro
80 gr. di miele di agrumi
3 cucchiai di zucchero
rosmarino sale e pepe

Leghiamo la lonza con lo spago per arrosti e poniamola a rosolare in una teglia da forno con il burro, l'aglio e il rosmarino, rigiriamola di tantoin tanto perchè prenda colore, poi sfumiamo con il vino bianco, aggiungiamo sale e pepe con moderazione, e proseguiamo la cottura a fuoco dolce per due circa, bagnando di tanto in tanto con il brodo caldo e con il sughetto della carne. In una scodellina mescoliamoil miele con lo zucchero, il succo e la scorza grattugiata dell'arancia. Irroriamola con il composto al miele la carne e poniamola in forno già caldo 200° per cira 30 minuti. Rigiriamola spesso. Sforniamola, tagliamola a fette e serviamola ricoperta di sughetto al miele.

Pomodori all'inferno

Occorrono:

4 pomodori nostrani, grossi, maturi sugosi
olio extra vergine d'oliva
un trito freschissimo di aglio e basilico
200 gr. di scaglie di toma stagionata, stravecchia, piccantesale
pepe nero in grani macinato sul momento al mulinello


In una scodellina mescoliamo il trito con olioextra vergine d'oliva, una presina di sale, una soffiata di pepe macinato sulmomento al mulinello. Affettiamo i pomodori a fette non troppo sottili e poniamo su una griglia calda per alcuni minuti, fino a quando saranno cotti maancora morbidi. Codiamoli con il trito di aglio&basilico e con le scaglie di toma stagionata.


Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.