Crea sito

I piatti unici del Mattorel

Torta di acciughe

Occorrono:

800 gr. di acciughe freschissime, pulite, sventrate, diliscate, private della testa e della coda
500 gr. di spinaci (ottimi quelli surgelati in cubetti, veloci e facili da preparare)
olio extra vergine d'oliva
4 uova (sbattute e ridotte in crema soffice)
una cipolla rossa tritata
un trito di prezzemolo freschissimo
sale e pepe nero in grani
pangrattato q.b.
origano

Facciamo cuocere gli spinaci in poca acqua, quando sono pronti scoliamoli, tritiamoli grossolanamente e passiamoli in padella con la cipolla rosolata e un poco d'olio, lasciamoli insaporire per cinque minuti.
In una terrina uniamo gli spinaci alle uova sbattute, aggiungiamo poi il prezzemolo tritato  una presa di origano, una spruzzata di pepe in grani macinato sul momento.
Mescoliamo con cura, affinchè il composto sia perfettamente amalgamato.
Ungiamo con olio extra vergine d'oliva una teglia da forno in pirex, stendiamo uno strato di filetti di acciughe, poi ricopriamo con uno strato di composto, poi ancora un altro strato di acciughe ed uno di composto, fino ad esaurimento degli ingredienti.
Spargiamo sulla superficie un velo di pangrattato ed irroriamo "a filo" con olio extra vergine d'oliva. Passiamo in forno già caldo (180°) per 3o minuti.
Serviamo caldo, accompagnando con un'insalata fragrante di lattuga e pomodori, ed un bianco secco freschissimo.

 
Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...







E' Giacomo, un folletto genovese che provvede spesso a fornire la Taverna di pesce azzurro freschissimo



 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.