I piatti unici del Mattorel

Focaccia di patate
 
Cuociamo a vapore 200 gr.di patate buone e sane, private della buccia e passiamole al setaccio.
In una tazza da 1/4 di litro sciogliamo un panetto di lievito di birra, in acqua tiepida (non calda!) mescolandolo ad un cucchiaino di  miele o di zucchero. Attendiamo 15 minuti, girandolo di tanto in tanto, si formerà un'abbondante schiuma. Poi in una capace terrina, uniamo a 350 gr. di semola di grano duro, le patate (freddissime!) una manciatina di sale e l'acqua "lievitata". Mescoliamo e rimescoliamo con un bel cucchiaione fino a quando l'impasto avrà assorbito l'acqua, poi riversiamo il tutto sulla spianatoia infarinata, e con le mani cosparse anch'esse di farina impastiamo e rimpastiamo, aggiungendo ancora un pò di semola se occorre, fino a quando otterremo un impasto compatto, morbido ed elastico, che non si deve sfaldare. Avvolgiamolo in un bel canovaccio candido di lino o di cotone e lasciamolo lievitare una giornata od una notte intera in un cantuccio caldo e riparato. Trascorso tale tempo ritiriamo l'impasto ( il suo volume sarà perlomeno triplicato) e sgonfiamolo con un pugnetto, prima di reimpastarlo e poi stenderlo con il matterello sulla spianatoia ben infarinata. Solleviamolo delicatamente con le mani e adagiamolo su una piastra da forno rettangolare che avremo avuto cura di ricoprire con carta da forno. Spennelliamo la superficie della pasta con abbondante olio extravergine d'oliva e con le dita disseminiamola di piccole fossette.
E' arrivato il momento di farcire in superficie la focaccia, a striscie o a quadrati come preferite, ecco alcune proposte del Mattorel:

sale grosso
mozzarella e acciughe
mozzarella e capperi
wurstel e carciofini sott'olio
salamino calabrese piccante
prosciutto cotto e groviera a dadini
olive nere e verdi
cipolle bianche soffritte in padella
funghetti coltivati sott'olio (certo, se avete i porcini:...)
fettine di pomodoro e origano
e tutto quello che la vostra fantasia e il vostro gusto può suggerire.

Mettete in forno già caldo 200° per 15 minuti, e servite accompagnando con fettine sottili di speck del Tirolo.
Il Mattorel in questa occasione serve una birra "corposa" ma anche un vino bianco secco freschissimo è l'ideale.

 
Le nostre ricette

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...






 

 

 

La focaccia di patate, che prepariamo nella nostra taverna è squisita

 

 


 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.